Per Dimagrire C’è Un Alleato: L’Indice Glicemico

Per prima cosa, per combattere quei brutti ed antiestetici cuscinetti adiposi e far  sparire definitivamente questo sovrappeso localizzato e riacquistare la forma fisica per le vacanze estive bisogna imparare a conoscere il proprio indice glicemico.

Conoscere l’indice glicemico

L’indice glicemico è una valutazione della qualità dei carboidrati  che assumiamo attraverso gli alimenti e, sono responsabili  dell’immediato o graduale aumento del livello ematico del glucosio o glicemia nel sangue.

I carboidrati che vengono metabolizzati velocemente e determinano un improvviso aumento della glicemia hanno un alto IG indice glicemico.

I carboidrati che vengono metabolizzati lentamente e determinano un lento aumento della glicemia hanno un basso IG.

Che cosa significa tutto questo?

Le ricerche effettuate sull’indice glicemico hanno rivoluzionato totalmente il ruolo dei carboidrati nella dieta quotidiana, ed hanno permesso di controllare il peso e la glicemia semplicemente controllando l’assunzione dei carboidrati nella dieta alimentare.

Ricordiamo che più è alto l’indice glicemico e più si va incontro a patologie quali il diabete mellito, l’ipertrigliceridemia, la sindrome metabolica, il sovrappeso localizzato all’addome

Un ulteriore ricerca sull’obesità ha riscontrato che il sovrappeso localizzato all’addome in special modo predispone a malattie cardiovascolari.

Come possiamo difenderci da tutto questo?

Possiamo diventare esperti nel conoscere i carboidrati che facilmente fanno aumentare l’indice glicemico in modo da ridurli se non eliminarli dalla nostra dieta alimentare quotidiana!

Nel libro “La rivoluzione del glucosio” vi è descritto tutto in modo semplice e preciso ogni alimento con il suo relativo indice glicemico!

Attualmente gli scienziati sostengono che una glicemia elevata ed il conseguente aumento della secrezione di insulina siano i più importanti fattori di rischio per l’ipertensione arteriosa e le patologie cardiovascolari!

Che cosa sono i carboidrati?

I carboidrati sono sostanze presenti in molti alimenti. I più importanti sono gli amidi, gli zuccheri,  le cellulose e le gomme.

Gli amidi e gli zuccheri, sotto forma di glicogeno, possono essere immagazzinati negli animali e nelle piante.

Gli amidi sono formati da un polimero di glucosio a lunga catena.

, in quanto più è alto l’indice glicemico dei cibi assunti con la dieta e più sentiamo il senso di fame!

L’indice glicemico descrive la qualità dei carboidrati contenuti negli alimenti ed è l’indicazione della loro capacità di innalzare la glicemia.

Quindi bisogna semplicemente seguire una dieta a basso regime di indice glicemico, preferendo alcuni cibi ad altri, e ciò è reso molto semplice dalle apposite tabelle per l’indice glicemico riportate in modo scrupoloso.

Inoltre, seguire una dieta a basso indice glicemico risulta essere divertente, in quanto lascia liberi di mangiare e di associare gli alimenti in modo del tutto personale, in base al proprio gusto.

Il vero scopo del dimagrimento è “perdere massa grassa” o meglio “consumare tessuto adiposo”.

L’indice glicemico riveste un ruolo fondamentale per tutti coloro che desiderano dimagrire!

In effetti gli alimenti a basso indice glicemico hanno due super vantaggi:

  • Hanno un maggior potere saziante, che permane per un lungo periodo, per cui non venite assaliti da morsi di fame;
  • Facilitano la metabolizzazione del grasso corporeo di riserva per produrre energia, risparmiando così prezioso tessuto muscolare!
  • Quindi sarà facile perdere peso consumando alimenti a basso indice glicemico, perché non si soffrirà la fame e si  riescono finalmente a utilizzare le riserve adipose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *