La Kabbalah

Il libro della Kabbalah  è molto particolare.Il titolo fa venire in mente la cabala dei numeri del lotto

Yehuda Berg, israeliano, ha studiato a New York e poi è stato ordinato rabbino dalla Yeshiva Knesset Israel di Gerusalemme, nonché riconosciuto come un autorevole conoscitore della Torah, Talmud e Kabbalah.

Insegna attualmente presso il Kabbalah Centre di tutto il mondo e tra i suoi studenti possiamo ricordare Madonna, Demi  Moore ed Elizabeth Taylor.

Ha scoperto che la storia di Mosè e il passaggio attraverso il Mar Rosso, contiene un codice potente e misterioso, che è alla base di una vera e propria tecnologia dell’anima.

Nella sequenza dei versetti  si evidenzia una successione sacra, fatta di energia , pulsazioni e vibrazioni, in grado di trasmettere un enorme potere a chiunque ne viene a conoscenza.

La Kabbalah risponde a tutte le domande più emblematiche dell’uomo come:

  • Esiste un Dio?
  • Perché l’esistenza è intrisa di caos e sofferenza?
  • Perché esistiamo?
  • Come raggiungere un eterno appagamento?

La Kabbalah non è solo la luce in fondo al tunnel, ma rappresenta la capacità di estrarre da noi stessi la forza e l’energia.

La Kabbalah risponde a domande sull’origine del mondo, sul perché continuiamo a ripercorrere sempre le stesse situazioni dolorose, perché evitiamo le giuste e positive attività per la nostra vita, perché esiste tanto caos, come dare forza ed energia al nostro vivere…

Nel passato la parola Kabbalah era legata a paura  per la maggior parte delle persone, in quanto era avvolta da mistero, era un po’ come voler spiegare internet o il telefono alle persone del XV secolo!

La Kabbalah risponde ad ogni nostro più recondito quesito dandoci ampia spiegazione e ci mette in grado di sperimentare ogni cosa che dice in modo inconfutabile.

L’essenza dell’umanità secondo la kabbalah è data dal Desiderio, Desiderio in Movimento.

Secondo la Kabbalah il desiderio rappresenta la nostra qualità intrinseca, la materia che ci compone e ci fa muovere!

Sempre secondo la Kabbalah, il desiderio umano si esplica su tre livelli:

  • Il primo livello, che ha radici nei bisogni primari e di urgenza. Le persone di questo livello sono dominate dalla razionalità e tendono a soddisfare i propri desideri animali.
  • Il secondo livello, soddisfa desideri che non appartengono al regno animale quali l’onore, il potere, il prestigio, il controllo sugli altri. Le persone di questo livello sono dominate da pensieri e azioni che tendono a soddisfare principalmente questi desideri.
  • Il terzo livello, soddisfa esclusivamente la natura intellettuale, il desiderio di saggezza, sapienza e ricerca continua di risposte.

Ciò che più desideriamo è l’appagamento dei nostri numerosi desideri, e la Kabbalah ci mostra la strada per ottenere un appagamento costante dei desideri, non un fugace momento di gioia e felicità!

La Kabbalah definisce questo costante appagamento Luce.

La Luce descritta dalla Kabbalah è definita come il conforto, la sicurezza, la tranquillità mentale di sapere che la felicità ci sarà anche domani.

Quando siamo connessi con la Luce, non esistono la paura, l’ansia, o l’insicurezza riguardo al futuro.

Secondo la kabbalah esiste un velo che divide la nostra realtà in due regni: quello dell’1% e quello del 99%.

Il primo regno comprende il mondo fisico che possiamo percepire con i nostri cinque sensi.

Il secondo regno, quello del 99%, secondo la kabbalah è il dominio della Luce, ed ogni volta che proviamo gioia significa che siamo venuti a contatto con quel regno attraverso una qualche azione avvenuta nel regno dell’1%.

La kabbalah è un meraviglioso viaggio dentro e attraverso di noi che ci permette di capire e quindi risolvere molte problematiche ricorrenti che ci assillano nella vita quotidiana e allo stesso tempo ci permette una nuova e più vitale connessione con il divino che permea l’Universo e Noi stessi,che siamo espressione microcosmica in connessione animica con il macrocosmo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *